Feed Details

  • ViterboNews24
  • News
  • ViterboNews24 offre le sue notizie e le informazioni in tempo reale.
    • 1901 visite
    • Ultimo aggiornamento 15 luglio 2015
  • Source: viterbonews24.it

Feed Tags

Other Feeds

Tarquiniese Cornetano's Feeds

Viterbo News 24

Published: Apr 15, 2021 12:03:31 AM
Quotidiano online di Viterbo
  • Apr 14, 2021 8:04:16 PM
    2021-04-14

    SUTRI – “Il territorio della città di Sutri riversa da mesi in un grave e generale stato di degrado, causato da scarsa o assente programmazione per la manutenzione di strade e vie di comunicazione, – afferma Antonio Tosi – intervenire a macchia di leopardo per riparare ai danni e ai disagi dovuti alla stesura della fibra non bastano.

    Ogni giorno si aprono nuove voragini, a cui seguono, e nemmeno sempre, lentissimi interventi per “metterci una pezza”. Non è questo il modo in cui un’amministrazione civica può lavorare. Per questo Una voce per Sutri interviene nuovamente per segnalare, con foto allegate, l’indecorosa condizione del manto stradale di via di Porta Vecchia, che genera un grande disagio al cittadino locale e al turista che dal Parco Archeologico sale verso il Centro Storico e il tanto sostenuto Museo di Palazzo Doebbing.

    Si auspica quindi un rapido intervento per la messa in sicurezza della strada e l’apertura di un tavolo tecnico per l’elaborazione di un piano del “decoro urbano” che dia anche spazio alla voce dei cittadini.

    Esprimere il proprio disagio è il diritto fondante di ogni comunità e per noi non sarà mai considerato una semplice lamentela, – continua Tosi – Noi saremo la voce di tutti, una voce per Sutri”.

  • Apr 14, 2021 4:23:42 PM
    2021-04-14

    Due traverse un gol ed almeno un paio di occasioni da rete. Il Monterosi esce dalla difficile trasferta in casa della Nocerina con un pareggio che non delude assolutamente e che permette ai biancorossi di allungare a tredici la serie positiva.

    Al termine dell’incontro il tecnico David D’Antoni si è presentato in sala stampa parlando così ai microfoni dei giornalisti salernitani: “Credo che il Monterosi abbia fatto una buona partita.

    Davanti aveva un avversario che aveva voglia di vincere come noi. A me la Nocerina piace molto come squadra. Sta facendo un buon campionato, non so le problematiche che ha incontrato in questa stagione ma è un team che può battere chiunque. Risultato corretto, soddisfatto sia della prestazione che appunto del risultato. Nella ripresa la gara è scesa un po’ di ritmo, per noi era la terza partita in sette giorni, per loro può essere subentrata un po’ di paura dopo il gol preso a tempo scaduto ad Ardea. A questo punto del campionato nessuno vuole perdere i punti e sopraggiunge la voglia di non rischiare e portare a casa il risultato. Turn over? Con quella di domenica e mercoledì prossimo faremo altre cinque partite in due settimane. Siamo costretti a ruotare le forze, ragionando anche sull’avversario che andremo ad incontrare. Ora abbiamo Formia e Cassino in casa, testa a queste due partite prima della pausa”.

    Riceviamo e pubblichiamo da Monterosi Fc

  • Apr 14, 2021 4:20:36 PM
    2021-04-14

    NOCERINA (3-4-2-1): Volzone Rizzo Vecchione Morero Talamo (24’st Dammacco), Diakite Donida Esposito Katseris Donnarumma (42’st Garofalo) El Bakhtaqui. A disp. Castaldo Petito Pisani Martinelli Fois Saporito Sorgente All. Cavallaro

    MONTEROSI (3-5-2): Salvato Piroli Pasqualoni (25’st Petti) Costantini Buono Cancellieri Rea (31’st Zambrini) Pellacani (31’st Pellacani) Lucatti (20’st Sivilla) Capodaglio Sowe (40’st Caon). A disp. Torelli Gemini Angeli Berardi. All. D’Antoni.

    RETI: 38’ Sowe, 43’pt rig. Talamo

    ARBITRO: Luca De Angeli di Milano

    NOTE – ammoniti Buono, Rea, Piroli. Rec. 1’-6’.

     

    Altra scoglio difficile sulla corsa della capolista Monterosi che al Novi di Angri affronta la Nocerina nel turno infrasettimanale valido per la nona di ritorno. Molossi con Volzone in porta. Linea difensiva composta da Rizzo, Morero e Donida. A centrocampo Vecchione, Donnarumma, Esposito e Katseris. Sulla trequarti El Bakhtaoui e Talamo dietro a Diakitè. Nel Monterosi torna Salvato tra i pali. Difesa composta da Pasqualoni, Piroli e Costantini. A centrocampo Rea, Pellacani, Buono, Capodaglio e Cancellieri. In avanti Lucatti e Sowe i quali danno il cambio a Caon e Sivilla titolari mercoledì scorso.

    Parte forte la Nocerina che dopo trenta secondi vede Esposito impegnare Salvato in una grande parata. Dopo una partenza forte della compagine salernitana il Monterosi comincia a prendere le misure e guadagnare terreno. Su un calcio piazzato al 15’ di El Bakhtaqui la respinta corta di Salvato non viene battuta a rete da Donida e Donnarumma che si contrastano a vicenda. Al 18’ prima conclusione degli ospiti con Pellacani che non trova lo specchio della porta dopo uno scambio con Lucatti. Proprio Lucatti al 29’ coglie una clamorosa traversa con una girata di destro sul bell’inserimento di Danilo Piroli da destra. Al 36’ altro legno colpito dal Monterosi questa volta con il destro su punizione dalla distanza di Pasqualoni che si stampa sulla traversa.

    Sfortuna che viene però ripagata due minuti dopo. Al 38’ Capodaglio trova la velocità di Sowe e batte Volzone con freddezza. Vantaggio del Monterosi dopo le due traverse colpite. La compagine di D’Antoni domina e Donnarumma salva praticamente sulla linea il tapin di Lucatti.

    Al 42’ azione di ripartenza della Nocerina che conquista un calcio di rigore su atterramento di Talamo da parte di Rea. Lo stesso numero sette rossonero spiazza Salvato dagli undici metri. Si va al riposo sull’1-1.

    Il primo acuto della ripresa arriva dalla Nocerina con il destro dalla distanza di Vecchione che si spegne di poco sul fondo ma con Salvato che controlla. Al 20’st D’Antoni getta nella mischia Andrea Sivilla che ha deciso il match con il Gladiator grazie ad una doppietta: gli fa posto Lucatti. Al 22’st Capodaglio inventa per Pellacani: perfetto l’inserimento del 2000 ma il suo sinistro da posizione defilata sfiora il palo. Dammacco rivela uno stanco Talamo nei molossi mentre Petti dà il cambio ad un Pasqualoni al rientro dal 1’ dopo due mesi di stop. Nei biancorossi entrano anche Vagnoni e Zambrini per Pellacani e Rea.

    Ripresa con poco spettacolo, unica emozione il destro da fuori di Donnarumma che impegna Salvato con i pugni a quattro dal termine. Al Novi di Angri finisce 1-1 dopo sei di recupero. Il Monterosi passa indenne anche l’ostacolo Nocerina ed infila il 13esimo risultato utile consecutivo. Scende a nove il vantaggio sulla Vis Artena ma sarà un punto che probabilmente peserà ai fini della corsa alla serie C. Domenica si tornerà subito in campo ed al Martoni arriva l’Insieme Formia.

     

    Riceviamo e pubblichiamo da Monterosi Fc

  • Apr 14, 2021 3:42:49 PM
    2021-04-14

    VITERBO - È consentita l'accensione degli impianti termici cittadini fino a un massimo di dodici ore giornaliere a regime normale, dal 16 al 23 aprile 2021. Lo ha disposto il sindaco Giovanni Maria Arena con apposita ordinanza, firmata nel primo pomeriggio di oggi.

    Si tratta di una proroga al consueto periodo stagionale di accensione, ovvero quello che va dal 1 novembre al 15 aprile, per dodici ore giornaliere.

    'Visto il perdurare delle temperature un po' più basse rispetto alle medie stagionali - ha sottolineato il sindaco Arena - ho ritenuto opportuno consentire una deroga al termine indicato nella vigente normativa in materia, e prorogare di una settimana l'autorizzazione all'accensione degli impianti di riscaldamento negli edifici del nostro territorio comunale. La deroga riguarda ovviamente anche gli istituti scolastici, all'interno dei quali, in ottemperanza alle disposizioni antiCovid, si è costretti alla frequente apertura di finestre per consentire il necessario ricircolo dell'aria interna'.

  • Apr 14, 2021 2:40:49 PM
    2021-04-14

    VITERBO – “Di certo non sono queste le ambizioni della Lega per la Tuscia.

    Abbiamo già detto, e ribadiamo anche oggi, il nostro 'No' a questo destino che sembra perseguitare la nostra città, che ha ben altro da offrire, ma che, invece, viene chiamata troppe volte, unilateralmente, a rattoppare le carenze, le emergenze, manifestate nella gestione di altri, in altri territori.

    Ma è un 'No' che non basta. Perché oggi, oltre ad alzare quelle barriere ideologiche che tutti si aspettano a quell'immagine di Viterbo, e della Tuscia, ricettacolo della spazzatura di altre province e delle scorie nucleari di tutta Italia, è necessario dare una voce forte a questo territorio nelle scelte che la riguardano e che vengono assunte a livello regionale.

    Per questo, la Lega, a quel 'No' espresso con fermezza, nell'accogliere, prima 300, poi ulteriori 100, tonnellate di rifiuti giornalieri deciso dall'ordinanza firmata da Nicola Zingaretti, ha affiancato la richiesta di un consiglio straordinario sui rifiuti, unico luogo in cui quella voce può legittimamente formarsi e alzarsi con forza e dignità istituzionale, nel chiedere rispetto e coinvolgimento di questo territorio nelle decisioni che lo riguardano. Ma il consiglio straordinario richiesto dalla Lega, e calendarizzato per il 20 aprile, vuole essere molto di più.

    Esso si pone come un'occasione istituzionale per un confronto reale sulla politica regionale dei rifiuti, che ancora oggi pone sul tappeto drammatiche emergenze da scaricare all'ultimo minuto su chi, quella situazione, non l'ha creata, ma rischia, facendosi carico delle inefficienze degli altri, di ritrovarsela prima o poi in casa. Il consiglio straordinario, a cui sono stati invitati tutti gli attori istituzionali della vicenda rifiuti, non vuole essere un momento per 'bacchettare' qualcuno, ma per individuare, ciascuno consapevole delle proprie responsabilità, un cammino partecipato e collaborativo, che se da un lato ci chiama a farci carico delle emergenze, dall'altro ci deve anche consentire di partecipare alla definizione della soluzione, avanzando le nostre idee e le nostre proposte nell'ottica di un governo regionale in cui anche i territori provinciali devono trovare pari dignità e rispetto. Il consiglio straordinario sarà anche un momento di grande trasparenza nella definizione della politica sui rifiuti.

    La sua calendarizzazione per il giorno 20 aprile, quello individuato nell'ordinanza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, come cessazione del conferimento dei rifiuti regionali nell'impianto di Viterbo, ci darà anche la possibilità di verificare se la situazione emergenziale è effettivamente rientrata e l'impegno, a non coinvolgere ulteriormente l'impianto viterbese, assunto da Zingaretti sarà stato mantenuto.”

     

    Riceviamo e pubblichiamo da Lega Viterbo

  • Apr 14, 2021 2:30:38 PM
    2021-04-14

    ACQUAPENDENTE - Otto incontri e soddisfazioni per i tennisti aquesiani nella seconda giornata del Torneo Open in programma sui terreni di gioco della Località Boario.

    Sorprende ancora il 4NC Pietro Meaccini che elimina con punteggio netto (6-0/6-3) il più quotato 4.4 Alberto Magrini. Seppur partendo da favorito il 4.3 Giorgio Banellaviene superato per 6-4/6-3 dall’NC Fabio Marrocolo.

    Esce a testa alta il 4NC Giovanni Evangelisti superato con doppio 6-4 dal più quotato 4.3 Simone Cutigni. Affermazioni a sorpresa per il 4.5 Smeraldo Marucci (6-3/3-6/16-14 al supertieabreak contro il 4.3 Leonardo Rampielli) per il 4NC Fabio Perugini (7-5/1-6/10-5 al supertieabreak contro il 4.4 Claudio Procenesi) e per il 4NC Leonardo Di Fiore (doppio 6-3 al 4.4 Davide Pigotti).

    Nel pieno rispetto del pronostico infine i successi del 4.4 Fabio Calandri (7-5/6-4 al 4.5 Riccardo Celletti) e del 4.3 Corrado Bacchiorrini che dopo aver vinto per 6-2 il primo set viene fatto sudare nel secondo le proverbiali “sette camicie (7-5) dal giocatore di Montefiascone Diego Sbardella che seppur di Categoria inferiore ha comunque mostrato doti tecniche in grado di impensierire atleti di step superiore.

  • Apr 14, 2021 1:44:38 PM
    2021-04-14

    VITERBO - Quartiere Ellera, partiti questa mattina i lavori di riqualificazione delle pavimentazioni stradali.

    A fornire dettagli su interventi e provvedimenti al traffico è l'assessore ai lavori pubblici e alla viabilità Laura Allegrini, che spiega: 'Gli interventi interesseranno via Zara, dove la ditta è già al lavoro, via Pola, via Gorizia, via Ticino, via Dora Riparia e via Friuli. Anche in questo caso - prosegue l'assessore Allegrini - i lavori non verranno realizzati contemporaneamente, ma procederanno per fasi successive.

    Gli interventi richiederanno provvedimenti alla circolazione veicolare e alla sosta, compatibili con l'esecuzione delle opere in corso'. Nel dettaglio, questi i provvedimenti previsti, concordemente con le esigenze di cantiere e a seguito dell'apposizione di idonea segnaletica da parte della ditta nelle vie di volta in volta interessate dai lavori:

    divieto di sosta con rimozione forzata dei veicoli in via Zara, via Pola, via Gorizia, via Ticino, via Dora Riparia e via Friuli, strada Capretta, via Santa Lucia. Se necessario, sarà istituito il senso unico alternato con restringimento della carreggiata, con il traffico consentito a soli residenti, intestatari dei passi carrabili presenti su dette vie, nonché per le operazioni di carico e scarico merci per i titolari di esercizi commerciali presenti.

    I provvedimenti al traffico e alla sosta veicolare sono stati disposti con apposita ordinanza del settore LLPP.

  • Apr 14, 2021 1:23:14 PM
    2021-04-14

    ROMA – “Registriamo con soddisfazione che si comincia a parlare con forza di riaperture, al netto delle solite cassandre che non sembrano vivere nel paese reale” afferma Paolo Bianchini, presidente di MIO Italia, Movimento Imprese Ospitalità.

    “E infatti – continua - non dicono una parola sui mezzi pubblici affollati, come se fossero covid-free. I piccoli imprenditori del comparto dell'ospitalità a tavola (Horeca) non ancora falliti, vogliono riavvicinarsi alla normalità sulla base di tempistiche certe e con tutte le misure di prevenzione.

    Le aperture – conclude Bianchini - il ritorno al lavoro, rappresentano l'unico vaccino, sicuro al 100%, nei confronti della 'variante imprese', sempre più incombente. Questo è inconfutabile. Per funzionare, però, il vaccino va assunto subito.”

  • Apr 14, 2021 10:51:58 AM
    2021-04-14

    BOLSENA - Bolsena vuole ripartire tornando a indossare gli abiti, a lei più consueti, di città turistica e culturale, dopo l'emergenza covid. Lo farà con la Bolsena card, una tessera con codice Qr acquistabile dagli utenti dalla fine di maggio, che trasformerà i cellulari in audioguide portatili multilingue senza applicazione e utilizzabili anche in modalità offline, per ascoltare e conoscere la storia del comune viterbese. L'innovativo progetto nasce dall'Amministrazione Comunale, con l'assessore al turismo religioso, all'accoglienza, all'ufficio turistico e alla pro loco, Roberto Basili, e vede la collaborazione della proloco Bolsena e il supporto tecnologico della Nubart, azienda specializzata nello sviluppo di contenuti multimediali per guide su telefonini con il sostegno dell'Unione Europea.

    'Ho subito accolto la proposta per offrire ai visitatori un'audioguida multilingue e semplice da usare, che rimarrà come ricordo della nostra cittadina. – afferma il sindaco Paolo Dottarelli -. Un progetto all'avanguardia presente in molti musei internazionali, che permetterà di accedere, senza dispositivi né app, a tracce audio correlate di foto, testi e mappe per rendere la visita di Bolsena completa e favorire la conoscenza delle nostre bellezze storiche, culturali e naturalistiche'.

    'La ripartenza di Bolsena, dopo un anno vissuto in emergenza, avviene nel segno dell'innovazione digitale – afferma l'assessore Basili -. La tessera permetterà di conoscere gli angoli più belli e ricchi di storia della città, scoprendone tutti i loro segreti. Uno strumento agile che mettiamo a disposizione dei bolsenesi e dei turisti. Un invito a portata di smartphone per tornare a viaggiare e scegliere questo angolo della Tuscia affacciato sul lago vulcanico più grande d'Europa, come luogo di soggiorno'.

    'La tessera è progettata come card fisica e digitale. – spiega la dottoressa Patrizia Crosta, responsabile del progetto Bolsena card – La scheda contiene un codice unico che permette di fruire dei contenuti multimediali di alta qualità. L'accesso avviene attraverso la scansione del codice Qr con il telefonino, da cui poi ascoltare direttamente le tracce audio. Il sistema integra mappe e geolocalizzazione. Quando l'utente si avvicina al punto d'interesse le tracce audio si illuminano automaticamente e si spostano nella parte superiore dello schermo del telefono'. La Bolsena card sarà personale e non trasferibile. Dalla grafica accattivante, potrà essere conservata come ricordo e continuerà a funzionare dopo la visita della città.

    'La card fornirà ai bolsenesi e ai turisti un nuovo modo di scoprire Bolsena, grazie a una tecnologia di ultima generazione e accessibile a tutti. – dichiara la presidente della proloco Bolsena Elena Materazzo - Come associazione abbiamo subito accolto l'indicazione dell'assessore Basili a essere attori protagonisti di questo progetto innovativo che vuole farci riappropriare della nostra città e del suo territorio'.

  • Apr 14, 2021 10:40:59 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Compie un anno il punto informativo servizi alla famiglia al quartiere Santa Lucia, in via Ferrarin, all'interno dei locali della ludoteca comunale Mondopinocchio (di fronte al parcheggio Obi). Uno spazio all'interno del quale è possibile richiedere informazioni, modulistica e presentare istanze riguardanti i servizi previsti dalla vigente normativa, come ad esempio tessere viaggio, l'assegno nucleo familiare tre figli minori, l'assegno di maternità. Da qualche giorno il punto informativo ha potenziato i suoi servizi e ha incluso anche le richieste di contributo legate alle disabilità e alla terza età (RSA, non autosufficienza, assistenza domiciliare). Centinaia le pratiche lavorate in questi mesi e grande apprezzamento da parte dei cittadini verso questo servizio, attivato a pochi giorni dall'inizio della pandemia. A comunicarlo è l'assessore ai servizi sociali Antonella Sberna, che spiega: 'Lo scorso anno, nella fase iniziale dell'emergenza sanitaria, abbiamo ritenuto opportuno provvedere a una riorganizzazione dei servizi del nostro settore, prevedendo la delocalizzazione temporanea di alcuni di essi, proprio per venire incontro a tutte le famiglie e a tutti i cittadini. Tra questi, ricordo il punto informativo a Santa Lucia. Ormai un riferimento per molte persone. Un luogo e soprattutto un ulteriore servizio che vogliamo fornire ai cittadini che ci permette di essere maggiormente presenti sul territorio e che in un anno di attività ha visto moltissimi utenti che vi si sono rivolti'.

    Il punto informativo è a disposizione del pubblico il lunedì, il mercoledì e il venerdì, dalle 9 alle 12 e il martedì e il giovedì dalle 15 alle 17. Tutti coloro che si serviranno del punto informativo dovranno rispettare le prescrizioni previste dalla normativa sul distanziamento e utilizzare i dispositivi di protezione individuale.

  • Apr 14, 2021 10:28:11 AM
    2021-04-14

    VITERBO - 53 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al Team operativo Coronavirus della Asl.

     

    Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni:

    - 12 a Viterbo,

    - 7 a Vetralla,

    - 7 a Tarquinia,

    - 4 a Montefiascone,

    - 3 a Fabrica di Roma,

    - 3 a Sutri,

    - 2 a Capranica,

    - 2 a Caprarola,

    - 2 a Gradoli,

    - 2 a Montalto di Castro,

    - 2 a Soriano nel Cimino,

    - 2 a Tuscania,

    - 1 a Castel Sant'Elia,

    - 1 a Faleria,

    - 1 a Oriolo Romano,

    - 1 a Ronciglione,

    - 1 a Valentano.

     

    Dei casi odierni, 36 presentano un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 17 sono collegati a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in. Stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio 51 persone, 2 sono attualmente ricoverate presso le strutture COVID della Asl.

     

    Il Team operativo Coronavirus ha attivato le misure di prevenzione e di protezione, al fine di contenere la diffusione del virus, irrobustendo la catena dei contatti stretti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali.

     

    In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 14017.

     

    L'Azienda, con estremo rammarico, comunica il decesso, avvenuto nelle ultime 24 ore, di una paziente ricoverata presso le strutture COVID della Asl: 1 cittadina di 75 anni di Viterbo.

     

    Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 127 pazienti residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 47 a Viterbo, 8 a Civita Castellana, 8 a Montefiascone, 6 a Vetralla, 5 a Canepina, 5 a Orte, 4 a Capranica, 4 a Sutri, 3 a Caprarola, 3 a Montalto di Castro, 3 a Ronciglione, 3 a Tarquinia, 3 a Tuscania, 3 a Vitorchiano, 2 a Gradoli, 2 a Monterosi, 2 a Oriolo Romano, 2 a San Lorenzo Nuovo, 2 a Vasanello, 1 ad Acquapendente, 1 a Bagnoregio, 1 a Barbarano Romano, 1 a Canino, 1 a Cellere, 1 a Farnese, 1 a Ischia di Castro, 1 a Marta, 1 a Nepi, 1 a Onano, 1 a Soriano nel Cimino, 1 a Valentano.

     

    Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 28 sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 8 ricoverate presso la Terapia intensiva COVID di Belcolle, 28 ricoverate presso la Medicina COVID di Belcolle, 10 ricoverate presso la Medicina riabilitativa COVID di Montefiascone, 1124 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 12411 il numero delle persone negativizzate, 408 sono le persone decedute. Dall'inizio dell'emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 135783 tamponi, 723 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 18728.

  • Apr 14, 2021 10:17:50 AM
    2021-04-14

    TARQUINIA - Si è svolto presso la sede centrale del Cardarelli un incontro preparatorio per la realizzazione di un progetto che vede impegnata la Centrale Ortofrutticola di Tarquinia e la Sezione di Agraria del Cardarelli di Tarquinia.

    Presenti alla riunione il promotore, Stefano De Paolis, direttore della Tenuta del Gattopuzzo di Civitavecchia e il Presidente della Centrale Ortofrutticola di Tarquinia, Alessandro Serafini. Per la Sezione di Agraria la Dott.ssa Piroli insieme ai Docenti che coordineranno il progetto a ai tre alunni della quarta Agraria: Giorgia Dili, Giuliano Quatrini e Vittorio Brachetti che saranno impegnati anche nei controlli presso le aziende.

    “Il progetto spiega De Paolis vuole approfondire la possibilità di valorizzare un prodotto storicamente legato ai nostri territori agricoli verificandone le attitudini ad espandere la propria coltivazione all’interno dell’areale. Il “Pomodoretto Pendulo dell’Etruria Meridionale” così si chiama il pomodoro oggetto di sperimentazione ha ottenuto il riconoscimento di “ Prodotto Agroalimentare Tradizionale” , marchio molto importante anche nell’ottica di possibili progetti finanziabili, ed è presente in coltivazione almeno da trecento anni nei nostri territori e si avvicina come caratteristiche di serbevolezza e di tecnica di coltivazione e conservazione al Pomodorino del Piennolo del Vesuvio.”

    “Siamo molto contenti - comunica il Presidente della Centrale Ortofrutticola di Tarquinia, Alessandro Serafini - di collaborare attivamente con La sezione agraria del Cardarelli. Convinti che sia un indirizzo scolastico fondamentale per la crescita delle aziende agricole e delle cooperative della zona nel prossimo futuro. Speriamo che il progetto del pomodorino pendulo sia la prima di una lunga serie di iniziative che intraprenderemo insieme, per sviluppare e pubblicizzare sempre più prodotti che rappresentino il meglio delle produzioni agricole del nostro eccezionale territorio.”

    “Lo studio - prosegue Odoardo Basili – vedrà coinvolte alcune piccole aziende associate alla Centrale Orofrutticola di Tarquinia. La Sezione di Agraria parteciperà producendo le piantine necessarie e seguirà sul campo attraverso i suoi studenti l’evoluzione della coltivazione e le caratteristiche di conservazione.

    Procederemo ad una caratterizzazione dei terreni attraverso una base analitica degli appezzamenti oggetto della prova attuando tecniche di agricoltura sostenibile valorizzando le caratteristiche peculiari di questo pomodoro autodeterminato particolarmente resistente a fitopatie e ad insetti come la Tuta Absoluta e con necessità nutritive e soprattutto di acqua particolarmente limitate.

    Si verificheranno poi le caratteristiche climatiche dell’areale scelto per la prova anche nel verificare la capacità di serbevolezza e mantenimento nel tempo del prodotto che viene sottoposto ad una essiccazione naturale in caratteristici grappoli da appendere come era normale nelle famiglie contadine .”

    “Voglio ringraziare Stefano De Paolis, promotore dell’iniziativa e Alessandro Serafini e tramite lui la Centrale Ortofrutticola di Tarquinia per la costante vicinanza alla nostra sezione di Agraria, conclude Laura Piroli. L’iniziativa persegue tutte le finalità legate all’orientamento didattico del corso per periti agrari. In particolare poter essere coinvolti in progetti di collaborazione con le realtà agricole del territorio partecipando attivamente anche con i nostri studenti che possono apportare il loro personale contributo e arricchire le loro competenze.

    Un bellissimo battesimo anche per il “Biodistretto della Maremma Etrusca e Monti della Tolfa” che proprio in questi giorni ha ottenuto il riconoscimento ufficiale dalla Regione Lazio, e del quale questo progetto di studio ne condivide le finalità e gli obiettivi primari.”

  • Apr 14, 2021 10:13:25 AM
    2021-04-14

    CAPRANICA - I Carabinieri della Stazione di Capranica sono intervenuti a seguito di una denuncia fatta da un operaio della zona che sosteneva che dal suo contatore elettrico risultasse un’ allaccio abusivo; immediatamente sono partite le indagini condotte con l’ ausilio dei tecnici della società elettrica, ed effettivamente è stato accertato che il vicino di casa , già pregiudicato agli arresti domiciliari, si era allacciato tramite cavo elettrico al contatore in modo abusivo e pertanto rubando la corrente. I Carabinieri della Stazione lo hanno quindi denunciato per furto ed hanno disposto il ripristino dei cavi e del contatore in sicurezza.

  • Apr 14, 2021 9:39:56 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Il ciclo di seminari primaverili del Corso di Laurea in Scienze della Montagna, organizzato in collaborazione con la Sabina Universitas di Rieti, prosegue con un nuovo incontro dedicato al tema della salute e del benessere. Titolo del seminario in programma venerdì 15 aprile dalle ore 17 alle ore 19 (aperto al pubblico su piattaforma Zoom) è “Esposizioni ambientali e neurosviluppo”. Relatrice sarà la dottoressa Patrizia Gentilini. Medico, specialista in oncologia ed ematologia, da oltre 20 anni si occupa di rischi ambientali e salute umana. Tema centrale dell’incontro saranno i disturbi del neurosviluppo e il loro legame, scientificamente provato, con l’esposizione a fattori ambientali tossici e nocivi. Esposizione che inizia fin dalla fase di vita intrauterina.

     

    Contenuti del seminario

     

    I disturbi del neurosviluppo sono quelli che riguardano essenzialmente l’infanzia in quanto si manifestano nelle prime fasi della vita e sono caratterizzati da deficit più o meno marcati a carico della sfera personale, sociale, scolastica. Essi variano da limitazioni molto lievi e specifiche dell’apprendimento, fino alla compromissione globale delle abilità sociali e del Quoziente Intellettivo (QI) e più precisamente comprendono: la disabilità intellettiva, i disturbi della comunicazione, i disturbi dello spettro autistico, il disturbo da deficit di attenzione/iperattività, il disturbo specifico dell’apprendimento e i disturbi del movimento. I disturbi del neurosviluppo sono fonte di grande preoccupazione nella comunità scientifica che da anni ne ha messo in luce la relazione causale con l’esposizione a fattori ambientali tossici e nocivi che si realizza già durante la vita intrauterina. Cellule nervose si cominciano a sviluppare già dai primissimi tempi dal concepimento e la maturazione del cervello prosegue anche dopo la nascita e fin oltre l’adolescenza. Il cervello è l’unico organo in cui già dalle prime fasi della vita embrionaria è presente tessuto adiposo ed anche per questo rappresenta un vero e proprio “organo bersaglio” per le sostanze tossiche lipofile quali diossine, PCB, pesticidi, ma anche per metalli pesanti e particolato atmosferico. Già nel 2006 su Lancet era comparso un allarmante articolo con un elenco di 202 sostanze, tra cui circa 90 pesticidi, note per essere tossiche per il cervello umano; nell’articolo si parlava di una “pandemia silenziosa” e si stimava che addirittura un bambino su 6 al mondo presentasse disturbi di diversa gravità a livello cognitivo e comportamentale per esposizione precoce ad agenti neurotossici. Oltre a metalli pesanti quali piombo e mercurio, ben noti per indurre danni cerebrali, una mole crescente di studi correla disturbi del neurosviluppo con la cattiva qualità dell’aria e con pesticidi, in particolare ad organofosforici ed erbicidi. Non solo quindi stiamo esaurendo le risorse del pianeta e creando problemi di inaudita gravità con la contaminazione di aria, suolo, cibo, ma stiamo riducendo ai nostri figli la capacità e possibilità di porre rimedio a questa situazione compromettendo il loro neurosviluppo e il loro grado di intelligenza. È questa l’eredità che vogliamo lasciare?

     

    Patrizia Gentilini

     

    Medico, specialista in oncologia ed ematologia, ha svolto la sua attività per oltre 30 anni presso l’ospedale di Forlì. Da circa 20 anni si occupa di rischi ambientali e salute umana, in particolare di campi elettromagnetici, pesticidi, qualità dell’aria, salute infantile, gestione dei rifiuti, biomasse, costi economici dell’inquinamento, salute riproduttiva, biomonitoraggio del latte materno. Fa parte del Comitato Scientifico e della Giunta Esecutiva dell’ISDE (International Society Doctors for Environment) e vice presidente dell’ Associazione G.U.F.I. È stato perito di parte gratuito in procedimenti giudiziari per Associazioni e Cittadini in cause di contaminazione ambientale. Partecipa in qualità di Relatore a corsi di aggiornamento sul tema ambiente-salute promossi dagli Ordini dei Medici. Ha un blog sul Fatto Quotidiano. Dal collocamento a riposo è autrice di decine di articoli di carattere scientifico e divulgativo.

  • Apr 14, 2021 8:44:36 AM
    2021-04-14

    VITORCHIANO - Nonostante l'emergenza sanitaria, che tuttora purtroppo rallenta sia gli iter amministrativi sia i cantieri fisici, sul fronte dei lavori pubblici il Comune di Vitorchiano nel corso del 2020 e in questi primi mesi del 2021 ha avviato numerose azioni, alcune in corso o prossime alla partenza e altre già concluse.

     

    'Come già illustrato nei mesi scorsi - ricorda l'assessore ai lavori pubblici Federico Cruciani - l'amministrazione continua a lavorare, passo dopo passo, per rendere il paese sempre più fruibile, sicuro e moderno. Le risorse economiche, ovviamente, vanno cercate, reperite e dosate, quindi occorre procedere per priorità, dando progressiva risposta alle tante necessità che emergono sul territorio'. Il sindaco Ruggero Grassotti aggiunge che 'tutto questo viene portato avanti con lo sguardo rivolto al futuro, per progettare e realizzare la Vitorchiano del domani, con un'attenzione particolare alla sicurezza, alla coesione sociale e all'ambiente'.

     

    Nel dettaglio, i tanti interventi già conclusi o in corso d'opera riguardano immobili scolastici (infissi, impianti , arredi interni ed esterni, adeguamento a norme anti Covid, efficientamento energetico, telecamere agli ingressi, pavimento antishock nelle aree esterne), sistema idrico (rifacimento di tratti ultratrentennali dell'acquedotto, sistemi di allarme, sistemazione di alcune calate delle fognature sulla rupe ecc.), strade (sistemazione parte dissestata Via Manzoni, Piazza Umberto I, accesso parcheggio della 'Cella', alcune vie delle frazioni Pallone e Paparano, rifacimento dei tappetini dei marciapiedi di collegamento con il centro ecc.), cimitero (sistemazione del tetto e conseguente nuova agibilità della chiesa, rifacimento dell'impermeabilizzazione di alcune porzioni delle coperture dei loculi).

     

    'Inoltre - riprende Cruciani - sono state recentemente eseguite alcune azioni attese da tempo, come la sistemazione dei pozzetti fognari, mentre altre sono ancora in corso, come l'asfaltatura di alcuni tratti dissestati della rete viaria comunale. A queste si aggiungeranno presto, essendo avviati e/o conclusi gli iter, il proseguimento del marciapiede in Via Bachelet, la conversione della pubblica illuminazione sulla viabilità principale con Led a basso consumo e la posa di arredo per il fitness in un'area verde di Paparano'. Per quanto riguarda l'illuminazione, nello specifico, il Comune sta completando i dettagli per le procedure di gara tramite la CUC della Provincia di Viterbo, progetto per cui è stata già eseguita la manifestazione di interesse. 'Grazie al decreto Crescita del Governo - aggiunge l'assessore - potremo realizzare nuovi impianti di illuminazione laddove al momento non ce ne sono, come in Via La Nova'.

     

    'Vogliamo inoltre continuare a crescere - continua il sindaco Grassotti - dal punto di vista turistico-ricettivo. A tal scopo, abbiamo adeguato i locali di Piazza Roma utilizzati come cucina dalla Pro Loco e dalle altre associazione durante i tanti eventi che confidiamo possano tornare presto a svolgersi. A breve sarà avviata la sostituzione degli infissi del palazzo comunale, che con la sala consiliare e la torre è un vero gioiello da visitare. Saranno inoltre avviate le procedure di gara per il rifacimento dei marciapiedi di Via Cavour, uno dei due viali di accesso al borgo: un progetto di circa 250mila euro recentemente finanziato dalla Regione Lazio che ringraziamo per il continuo supporto'.

     

    In Via Manzoni si è concluso da alcuni mesi il ripristino della pavimentazione dissestata in cemento sotto i tigli, nel tratto dalla caserma dei carabinieri alla scuola primaria. Queste attività fanno seguito all'asfaltatura di Piazza Umberto I, già effettuata nel 2016, e il completamento del parcheggio multipiano a servizio del borgo, un'opera che rischiava di rimanere incompiuta a causa di un progetto originario incompleto. Eseguita inoltre la progettazione, con richiesta di specifico finanziamento alla Regione Lazio, per valorizzare il complesso di Sant'Agnese realizzando, nei locali dell'ex beauty farm, un polo museale permanente su storia e tradizioni del territorio. Nelle prossime settimane, come già anticipato in consiglio comunale, è previsto l'avvio definitivo della gara pubblica per la realizzazione del centro di raccolta sul territorio di Vitorchiano, evitando che i cittadini siano costretti a percorrere chilometri per smaltire rifiuti speciali e ingombranti. Infine, imminenti anche le procedure di gara per l'adeguamento sismico della scuola primaria e media, intervento di circa 700mila euro strategico e ormai improcrastinabile per dare maggiore sicurezza agli edifici di Via Manzoni.

     

     

    UFFICIO STAMPA

    COMUNE DI VITORCHIANO

  • Apr 14, 2021 8:39:35 AM
    2021-04-14

    TUSCANIA - “Archeo Restart. Antidoti contro la pandemia”. È questa la manifestazione, che si svolge nell’ambito del Premio “Enio Staccini-Città di Tuscania” 2021, e che raccoglierà virtualmente a Tuscania alcuni tra i migliori interpreti dell’archeologia italiana contemporanea. Il Gruppo Archeologico Città di Tuscania organizza dal 16 aprile 2021 al 18 giugno 2021 nove incontri online, trasmessi in diretta sulla pagina facebook e sul canale youtube dell’associazione, in collaborazione con il Ministero della Cultura, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale, la Provincia di Viterbo, il Comune di Tuscania e i Gruppi Archeologici d’Italia.

     

    Un’iniziativa che guarda al futuro, in cui gli ospiti converseranno con il direttore Alessandro Tizi, proponendo strategie di sviluppo e modelli da interpretare per la ripresa nel settore, con gli occhi ben rivolti al mondo dell’archeologia e alle tematiche della tutela, della ricerca e dalla valorizzazione del patrimonio culturale.

     

    “Questi incontri virtuali – commenta il direttore Alessandro Tizi – rispondono ad una necessità: programmare la ripresa delle attività culturali, ribadendo che l’archeologia non si è mai fermata ed è riuscita a trasformarsi adattandosi all’emergenza generata dalla pandemia, riproponendosi come via da seguire per lo sviluppo e la crescita.

     

    Saranno appuntamenti di certo molto interessanti, che volutamente non saranno solo ed esclusivamente per gli addetti ai lavori. Anzi con “Archeo Restart” volgiamo rivolgerci alla più ampia cittadinanza per delineare nuove relazioni e nuove sensibilità per un settore che è più vivo che mai. Per questo motivo alla regia e al tavolo del dibattito ci saranno molti giovani. Un obiettivo di sensibilizzazione sono le giovani generazioni e ripartire dalla scuola è fondamentale per creare una base di rispetto, conoscenza e consapevolezza del nostro patrimonio culturale.

     

    Saranno Gabriele Pierantozzi e Federico Costantini, due giovani molto attivi nell’associazionismo locale, a spingere sull’acceleratore di una visione più inclusiva dell’iniziativa.

     

    La manifestazione avrà inizio con il primo appuntamento venerdì 16 aprile alle ore 17.30, con un ospite subito d’eccezione: il dott. Valentino Nizzo, Direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Un archeologo che ha saputo reinventare il museo che dirige, aprendolo al pubblico anche nei momenti più difficili della pandemia e costruendo con sapienza un nuovo rapporto con il pubblico fruitore dell’istituzione museale, anche grazie all’uso dei social networks e delle nuove tecnologie.

     

    Appuntamento imperdibile per ripensare l’archeologia e ripartire!”

  • Apr 14, 2021 8:38:04 AM
    2021-04-14

    SORIANO - Sono in corso d'accertamento le cause che, questa mattina, hanno portato un furgone a prendere fuoco durante la marcia. Il conducente, proveniente da Roma, ha immediatamente fermato la sua marcia ed e' rimasto illeso.

    L'uomo trasportava farmaci ed e' riuscito ad accostarsi al lato della carreggiata tra le uscite di Chia e Soriano. Momentaneamente bloccate entrambe le uscite. 

    CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

  • Apr 14, 2021 7:54:51 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Riceviamo e pubblichiamo dal comitato per la salvaguardia del territorio di Corchiano e della Tuscia:

    Oggi incontreremo i vertici della Sogin per chiarire le dichiarazioni dell'amministratore delegato ing. Fontani che incautamente definì, in commissione ambiente, il Lazio come la regione più favorevole ad ospitare la discarica di rifiuti radioattivi.

    L'incontro voluto dalla Sogin, a seguito di una nostra lettera di protesta inviata al presidente e all'amministratore delegato della società, sarà un'occasione per ribadire le nostre solide ragioni, valide a respingere l'ipotesi di realizzazione del progetto e per rispondere alle grandi preoccupazioni già sorte nella nostra Provincia e alimentate dalla imprudente dichiarazione dell' amministratore delegato.

    Alcuni chiarimenti sono già arrivati a mezzo stampa da parte di Sogin, noi andremo per avere ulteriori precisazioni, per dissipare ogni dubbio sull'imparzialità della scelta del sito e per avere conferme che il percorso di individuazione tenga conto della volontà e delle osservazioni dei Territori, della partecipazione pubblica e della massima trasparenza.

  • Apr 14, 2021 7:46:25 AM
    2021-04-14

    TARQUINIA - “Quest’anno A causa della pandemia - riferisce la dirigente scolastica Laura Piroli - non sarà possibile realizzare il concorso rivolto agli studenti. La manifestazione, così cara al nostro Istituto, assume quest’anno una veste innovativa: verranno infatti organizzati appuntamenti on line con relazioni e interventi di docenti e artisti,nella speranza che nel 2022 il Certame possa ritornare alla sua classica formula in presenza. La tematica sarà sviluppata sia nell'ambito della produzione cardarelliana,sia in riferimento ad altri autori e opere della letteratura o altre forme artistiche”. “Il Certame si svolgerà on line nelle giornate del 21 e del 22 aprile 2021, dalle ore 9.00 alle ore 12.30. – continua la dirigente - Ogni giornata avrà la durata di 3 ore (ciascun intervento sarà di circa 30 minuti, con possibilità di rivolgere al relatore eventuali domande). Le scuole partecipanti dovranno inviare l’adesione all’ufficio Protocollo dell’Istituto Vincenzo Cardarelli ([email protected]) entro il 19 aprile (con OGGETTO: Iscrizione Manifestazione Certame Cardarelliano2021 e l’elenco dei partecipanti con relativa mail personale, preferibilmente account gmail) e riceveranno via mail le informazioni inerenti il collegamento”.

    La tematica affrontata dai relatori in questa edizione è “Cardarelli: la fragilità dell’essere, la forza dello spirito” che si svilupperà sia nell'ambito della produzione cardarelliana, sia in riferimento ad altri autori e opere della letteratura o ad altre forme artistiche.

    Ecco il programma :

    Il Certame si svolgerà nelle giornate del 21e del 22 aprile, dalle ore 9.00 alle ore 12.30. Alle 9.00 la presentazione, partecipano: la Dirigente scolastica Piroli, la referente della manifestazione Anna Maria Vinci, e della commissione: Alberta Iacobini, Stefania Sabbatini e Sabrina Subrizi.

    I relatori : il 21 aprile: Gianni Oliva - Dante e il Viaggio come “avventura” ; Paolo di Paolo - La meteorologia dello spirito. Letteratura e stagioni. Davide Rondoni – La poesia come disio e viaggio. Il 22 aprile : Nadia Teranova - Trasgressione e tenerezza – Leggere Cardarelli in pandemia; Remo Castellini e Giovanni Capecchi - Treni letterari; Letture a cura di Pino Quartullo; Fabio Canessa - Amleto e Don Chisciotte, padre Sergio e santo bevitore: la forza e la fragilità dell’epica moderna.

    Il 22 aprile :

    Nadia Teranova - Trasgressione e tenerezza – Leggere Cardarelli in pandemia; Remo Castellini e Giovanni Capecchi - Treni letterari; Letture a cura di Pino Quartullo; Fabio Canessa - Amleto e Don Chisciotte, padre Sergio e santo bevitore: la forza e la fragilità dell’epica moderna.

    L’evento, sponsorizzato da CISL e Gagni SRL, vede il patrocinio dei comuni di Tarquinia, Montalto di Castro, Tuscania, Canino, Monte Romano, Ass.Italianisti, STAS e della Provincia di Viterbo .

    La referente della manifestazione Anna Maria Vinci: “Ringraziamo per la collaborazione la Stas e l’Unitus di Viterbo gli sponsor , i comuni, l’Associazione italianisti la Provincia di Viterbo e tutte le scuole e i docenti delle scuole italiane che stanno inviando le adesioni a questa peculiare manifestazione – riferisce la prof Anna Maria Vinci – è stato bello sentire la loro vicinanza seppure a distanza e l’entusiasmo nell’aderire alla nostra manifestazione. Tante le telefonate entusiastiche da parte dei docenti delle scuole superiori, che da Nord a Sud hanno esternato il desiderio di tornare presto nella nostra bella Tarquinia per un’edizione in presenza”.

    IIS Vincenzo Cardarelli Tarquinia

     

  • Apr 14, 2021 7:39:17 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Sulla gestione idrica viterbese con regolarità quasi ossessiva si riaffaccia l'ipotesi del partner privato. Mentre i cittadini da anni ribadiscono il concetto di acqua 'bene comune' fuori dal mercato attraverso una gestione pubblica e partecipata, chi detiene il governo dell'acqua invece ipotizza scelte opposte alla diffusa volontà popolare. Per garantire il principio diffuso e condiviso di acqua diritto universale sarebbe indispensabile chiudere il triste capitolo Talete, che ha portato i costi a livelli insopportabili, e iniziare l'auspicato percorso di ripubblicizzazione per rifondare su basi pubbliche e partecipate una corretta gestione delle reti e dei bacini idrici. Inoltre, possibile e auspicabile sarebbe rimuovere definitivamente la partitocrazia che ha sottratto e sottrae ai cittadini il diritto naturale e costituzionale di partecipazione alla gestione del bene primario. Per non parlare poi dei costi elevati. Costi generati dal clientelismo e dalle scelte tecnologiche costose e parzialmente efficaci dei dearsenificatori che non possono essere riversati sulla tariffa, così come non possono diventare il grimaldello per un ulteriore processo di privatizzazione. Coraggio,Presidente Nocchi, non esiti a convocare un'assemblea dei Sindaci. Un'assemblea aperta al contributo dei saperi diffusi e dei comitati che da anni si battono per l'acqua pubblica. E, soprattutto, dia inizio al processo, possibile e auspicabile, di transizione e di superamento della attuale gestione della Talete, rimettendo finalmente il bene acqua nelle mani delle Comunità insediate.

    Bengasi Battisti

    Coordinamento nazionale Enti locali per l'acqua pubblica

  • Apr 14, 2021 7:15:27 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Gli ascensori che collegano Valle Faul a piazza San Lorenzo sono tornati in funzione questa mattina, dopo un intervento di manutenzione. A dare notizia dell'avvenuto ripristino è la società Francigena.

     

     

  • Apr 14, 2021 5:09:08 AM
    2021-04-14

    di Simone Lupino

    VITERBO - Si fa sempre più vicino il progetto di riconversione dell’antico ospedale degli infermi di Viterbo nell’innovativo ''Borgo della cultura'', con annessa sede della Soprintendenza a Palazzo Farnese. Ma ci saranno anche la Casa del pellegrino, il Centro del restauro e una struttura ad hoc per il co-working.

    Nei giorni scorsi la Asl ha ufficializzato con una delibera la presa d’atto dell’accordo tra le parti interessate: Regione, Ministero dei Beni culturali e la stessa azienda sanitaria, con l’obiettivo di ''valorizzare il complesso dell’Ospedale grande degli infermi, costituente una delle parti più importanti della storia e della città di Viterbo, destinandolo ad accogliere il Borgo della cultura''. Ossia: ''Un centro culturale, specializzato, innovativo, accessibile e con tutti gli standard di sicurezza richiesti dalla destinazione d’uso previste, reso vivo dalla presenza di giovani, anche internazionali, dalla possibilità di svolgere attività espressive di piccole dimensioni per musica, teatro, performance artistiche; il tutto accessibile dall’esterno grazie all’utilizzo di tecnologia''.

    Il progetto centrale ruota intorno alla realizzazione di ''un polo archivistico, bibliotecario e multimediale territoriale''. Nell’edificio principale è prevista la localizzazione della nuova sede dell’Archivio di Stato e della Biblioteca provinciale. La prima sarà collocata al piano seminterrato, con una zona di rappresentanza al piano terra. La seconda, invece, è prevista al piano terra e al primo piano dell’edificio dell’antico ospedale, con estensione su Palazzo Marzano, per una superficie di circa 4.128 metri quadrati.

    A Palazzo Farnese, invece, la nuova sede della Soprintendenza Archeologica, belle arti e paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, per una superficie complessiva di 2800 metri quadrati. In particolare, nella parte Ovest dell'edificio, separata dall’arco di via dell’Ospedale, è prevista per la maggior parte della superficie la localizzazione di un Centro del restauro e recupero artistico e nella restante parte una struttura di co-working, con una superficie prevista lorda di 200 metri quadrati per creare degli spazi di accoglienza e servizi per lavoratori e professionisti.

    La restante parte degli edifici su via Sant’Antonio, invece, ospiterà a nord la Casa del pellegrino, dedicata ai pellegrini della via Francigena, con una superficie lorda di 490 metri quadrati; mentre lo spazio sottostante di 570 metri quadrati sarà dedicato agli ordini professionali con la possibilità di mettere a disposizione spazi comuni per riunioni o esposizioni temporanee. Infine, la parte più a sud, sarà curata per svolgerla funzione di collegamento interno alle varie funzioni e di luogo di incontro, nonché per ospitare servizi commerciali, alla persona o per il ristoro ai piani terra. A questo scopo saranno utilizzabili anche i locali che si affacciano su via San Clemente e via Sant’Antonio.

  • Apr 14, 2021 5:09:28 AM
    2021-04-14

    VITERBO - Al via della stagione 2021 del Campionato Supermoto sul circuito di Ortona il viterbese Alessandro Labate ha conquistato due ottimi secondi posti che sono valsi la prima posizione nella classica del Campionato Italiano e la seconda nella graduatoria internazionale. Il pilota del Lucarini Racing Team, dopo il terzo posto conquistato nella scorsa stagione, ha iniziato da protagonista assoluto in sella alla sua Yamaha. Durante il weekend di gara, infatti, già dal sabato ha guidato con personalità e velocità per replicarsi subito la domenica, mettendo a segno il miglior tempo (1:16.294) nelle prove ufficiali.

    In qualifica Labate non è riuscito a sfruttare tutto il suo potenziale, a causa del traffico e di una sbavatura nella parte sterrata del tracciato. Così, il viterbese ha conquistato la quarta casella dello schieramento con il tempo di 1:15.867, a soli 0,330 decimi dal primo posto conquistato dal francese Bonnal. In gara 1, però, Labate è partito forte e, già dopo la prima curva, ha ricucito il gap con i primi conquistando la seconda posizione, piazzamento che è riuscito a mantenere fino alla bandiera a scacchi. Poi, in Gara 2, Labate ha provato il colpaccio, senza riuscire, però, per poco a concludere in prima posizione, guadagnando ancora un preziosissimo secondo posto al termine di una gara molto tirata. Un ottimo weekend di gara che consegna il primo posto nella classifica del Campionato Italiano al pilota viterbese e che, grazie anche ai due secondi piazzamenti, porta Labate in seconda posizione della classifica internazionale.

    “Sono molto soddisfatto di questo weekend di gara” - ha esordito Labate. “Già da sabato ho avuto ottime sensazioni, perché mi sono trovato a mio agio in pista e con la moto. Domenica la giornata è partita splendidamente con il miglior tempo nelle prove ufficiali. Peccato per la qualifica, però, perché il mio tempo è arrivato di fatto con il giro di lancio, in quanto sono caduto nello sterrato a causa di un pilota più lento che mi ha intralciato. Successivamente ho trovato molto traffico e non sono riuscito a migliorare il mio tempo chiudendo quarto a poiché decimi dal primo. In gara poi sono riuscito a recuperare e a conquistare due importanti secondi posti che ci consentono di essere primi in classifica del Campionato Italiano e secondi nella classifica internazionale.

    Ringrazio il team Lucarini per solito grande lavoro svolto durante tutto il weekend e i miei main sponsor Garbo Surgelati, Lenergia e Benito Mandozzi per il continuo supporto. Ora sarò subito in pista per preparare al meglio il prossimo round che si terrà sul circuito di Ottobiano il prossimo 9 di maggio. Voglio farmi trovare pronto e sono sicuro che ci toglieremo le nostre soddisfazioni” - ha concluso Labate.

  • Apr 13, 2021 6:30:57 PM
    2021-04-13

    ORTE – I ristoratori hanno bloccato un tratto dell’autostrada A1 per chiedere a gran voce la riapertura dei locali. “Vogliamo riaprire, fateci lavorare”: con queste grida, accompagnati dal suono del clacson, i ristoratori hanno bloccato 35 km della A1, all’altezza del casello di Orte.

    L’emergenza sanitaria sta mettendo a dura prova l’economia del paese e sta letteralmente affossando il settore della ristorazione e turistico. “E’ da 14 mesi che siamo chiusi, non ce la facciamo più” i ristoratori lamentano di essere stati completamente abbandonati non solo dal Governo, ma anche dai mass media italiani in quanto, come dicono i loro cori, la loro manifestazione non da spettacolo poiché è pacifica.

    “Senza violenza non c’è televisione” gridano all’unisono gli automobilisti che sono scesi per strada. La manifestazione è iniziata verso i Fori Imperiali e sarebbero dovuti arrivare a Montecitorio, ma hanno incontrato un impedimento. “Ci hanno impedito di raggiungere Montecitorio, allora siamo qui” spiega un automobilista.

  • Apr 13, 2021 2:31:43 PM
    2021-04-13

    ACQUAPENDENTE – Scende il numero dei positivi all’interno della cittadina di Acquapendente.

    A comunicarlo in maniera telegrafica il consueto bollettino del Comune:“ Continuano le belle notizie, anche oggi ci è giunta dalla ASL la comunicazione della negativizzazione di un altro nostro concittadino. A lui vanno i nostri migliori auguri per un sereno ritorno alla vita di comunità.

    Il numero degli attuali positivi, quindi, scende a 10”

  • Apr 14, 2021 5:10:00 AM
    2021-04-14

       TARQUINIA - L'acqua è un bene di valore inestimabile perché fonte di vita, la possibilità di disporne con facilità nelle nostre abitazioni ci induce spesso a sottovalutarne l’importanza. Noi italiani, ad esempio, siamo tra i maggiori consumatori di acqua al mondo, secondi solo agli australiani.

    Ogni italiano quotidianamente per usi domestici consuma circa 220 litri d’acqua, in dispregio del fatto dimostrato che un essere umano possa riuscire a sopravvivere con circa 2 litri di acqua al giorno. In Italia circa il 25% delle risorse idriche viene impiegato nel settore industriale, il 60% nel settore agricolo; il 15% è destinato a uso domestico ed è tanto, troppo, rispetto al consumo domestico medio del resto del mondo.

    Non dobbiamo dimenticare che l’uso domestico è per buona parte fatto di acqua impiegata in maniera poco oculata e sottratta all’utilizzo per finalità di comune interesse. Ecco ancora un dato su cui riflettere per comprendere l’enormità dello spreco domestico dell’acqua: in Italia quasi il 30% dell’acqua erogata viene dispersa a causa del cattivo stato degli acquedotti.

    Il problema della scarsità di acqua nell’epoca attuale è percepito solo dalle popolazioni che si confrontano quotidianamente con il dramma della siccità. In Italia la maggior parte dei cittadini ritiene l’approvvigionamento idrico un fatto scontato; l’analisi delle risorse disponibili e la crescita dei fabbisogni ci invitano però a ridimensionare quotidianamente il consumo d’acqua pro capite perché il rischio della insufficienza dell’acqua sta diventando un pericolo concreto.

    Sarà per questo che al lido di Tarquinia c’è un idrante che perde da ben 7 anni?

    Nonostante le innumerevoli segnalazioni fatte dai cittadini agli organi di competenza, e qualche tentativo andato a male di riparazione, la fuoriuscita di acqua continua inesorabile.

    Probabilmente andrebbe sostituito, ormai i materiali sono usurati ed i rubinetti non chiudono bene, anche per evitare la formazione di un acquitrinio che attira insetti soprattutto in vista dell’estate.

    Un enorme spreco di acqua che gli abitanti si augurano finisca al più presto.

  • Apr 13, 2021 2:21:07 PM
    2021-04-13

    ROMA - Istituita la Cabina di monitoraggio del Piano regionale di gestione dei rifiuti con l’obiettivo di controllare e verificare l’attuazione delle misure previste all’interno dello strumento di pianificazione 2019-2025. Questa mattina il presidente Nicola Zingaretti, su proposta dell’assessore competente Massimiliano Valeriani, ha firmato il decreto di costituzione della nuova struttura regionale, nominandone contestualmente i componenti che rimarranno in carica fino alla formazione degli Enti di Governo d’Ambito.

    Faranno parte della Cabina di monitoraggio il presidente della Regione e l’assessore al Ciclo dei rifiuti, i responsabili delle direzioni regionali Ciclo dei rifiuti e Capitale naturale, parchi e aree protette, insieme al sindaco della Città metropolitana di Roma e ai presidenti delle province di Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo. Per i componenti della Cabina di monitoraggio del Piano rifiuti, così come per eventuali soggetti esterni invitati a partecipare, non è previsto alcun compenso.

    “Questa struttura avrà un ruolo fondamentale perché dovrà verificare che le indicazioni contenute nel Piano regionale vengano attuate, sollecitando gli interventi di enti locali e operatori del settore per garantire il corretto funzionamento del sistema dei rifiuti. Ognuno è chiamato a fare la propria parte per scongiurare il rischio di nuove emergenze, assicurando una gestione sostenibile ed efficiente in tutto il Lazio”, dichiara Massimiliano Valeriani, assessore regionale al Ciclo dei Rifiuti.

  • Apr 13, 2021 1:55:35 PM
    2021-04-13

    MONTEROSI - Il Gruppo di Roma del Corpo Italiano di San Lazzaro si arricchisce della collaborazione del Comune di Monterosi, un territorio per troppo tempo sottovalutato dall’interesse turistico delle migliaia di escursionisti e pellegrini che da Sutri si accingono a giungere alla Capitale.

    Infatti la sua posizione strategica (con una visuale che spazia dal Monte Soratte a Rocca Romana sul Lago di Bracciano e posto all’inizio della depressione geologica che conduce fino a Roma) ed un ameno laghetto di origine vulcanica (e non artificiale come alcuni ancora oggi credono), resero questo luogo protagonista della storia.

    Venerdì 9 Aprile il Corpo Italiano di San Lazzaro, rappresentato dal capogruppo Germano Assumma, alla presenza del Consigliere Gino Mascagna (su mandato del Sindaco, Dott. Sandro Giglietti) ha firmato un protocollo di intesa che inserisce Monterosi tra i territori monitorati per la pregevole sentieristica e per il tratto di competenza della Via Francigena.

    L’amministrazione comunale si sta infatti dimostrando molto sensibile alla rivalutazione turistica del territorio: l’attenzione rivolta al tratto di Francigena è ora di primaria importanza e di recente anche la sentieristica locale ha giovato di un totale rinnovamento che ha visto la sistemazione dei punti di accesso al Lago omonimo ed il tracciamento di un nuovo itinerario che da Monterosi conduce fino a Trevignano, alla cui realizzazione stanno partecipando i Guardiaparco del Parco di Bracciano-Martignano.

    Come sempre, l’obiettivo principale del Corpo di San Lazzaro è la creazione di un nucleo locale composto da residenti che abbiano la migliore percezione del territorio, delle sue peculiarità e delle sue criticità.

     

    Riceviamo e pubblichiamo dal Corpo Italiano San Lazzaro

  • Apr 13, 2021 1:52:03 PM
    2021-04-13

    BASSANO ROMANO - Sono aperte le iscrizioni per il corso di europrogettazione che partirà nei prossimi giorni interamente on-line. Il percorso si inserisce all’interno del progetto “Bassano Romano in Europa”, grazie ad un finanziamento ottenuto dal Comune di Bassano Romano sul bando della Regione Lazio “Programma per la concessione di contributi economici a sostegno di iniziative per la promozione delle politiche europee, della cittadinanza e dell’integrazione europea”.

    L’intero corso, totalmente gratuito, è suddiviso in 4 moduli e sarà tenuto dall’esperta di europrogettazione Roberta Magherini che vanta esperienze e competenze consolidate nel settore. Accanto alla docente, ci saranno altri relatori, tutti con esperienze sul campo per un totale di 30 ore. Durante le lezioni, tenute integralmente sulla piattaforma Zoom tra aprile e maggio, sono previste anche esercitazioni pratiche.

    “E’ una grande opportunità – commenta il Sindaco Emanuele Maggi – per tutti coloro che vogliono approfondire le tematiche della progettualità europea. Abbiamo anche un obiettivo ambizioso che è quello di offrire una risposta anche dal punto di vista occupazionale ai molti giovani in cerca di possibilità lavorative”.

    “Per tutti i partecipanti – continua l’Assessore Yuri Gori – è sicuramente un’importante occasione formativa e di sviluppo delle proprie competenze in un settore rilevante. Si parte dall’approfondimento dei bandi e dei fondi europei per arrivare allo scouting delle opportunità esistenti e alle tecniche per la redazione dei progetti fino alla gestione del budget e alla rendicontazione. Ricordiamo, inoltre, che durante il progetto è attivo anche uno Sportello Virtuale per fornire assistenza e informazioni sulle varie possibilità offerte dall’Unione Europea con esperti che saranno a supporto di quanti vorranno chiedere assistenza. L’esperta Roberta Magherini risponderà all’indirizzo mail sportelloeuropa.bassanoromano@gmail.com”.

    Per maggiori informazioni e iscrizioni al corso di formazione è possibile inviare una e-mail allo stesso indirizzo dello Sportello Europa (sportelloeuropa.bassanoromano@gmail.com) indicando nome e cognome e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali. Al termine del corso verrà rilasciato l’attestato di frequenza.

  • Apr 13, 2021 1:48:04 PM
    2021-04-13

    VITERBO - Riqualificazione pavimentazioni stradali, al via i lavori su via Piave, via Pieve di Cadore e via Belluno.

    Ne dà notizia l'assessore ai lavori pubblici e alla viabilità Laura Allegrini, che spiega: 'Partiranno giovedì 15 aprile, salvo imprevisti, i lavori per la sistemazione delle pavimentazioni stradali in conglomerato bituminoso in via Piave, via Pieve di Cadore e via Belluno.

    Tali interventi rientrano nell'appalto dei lavori già realizzati in via Corrado Alvaro, in piazza Martiri d'Ungheria, piazza Crispi e in via I Maggio.

    I lavori non verranno realizzati contemporaneamente, ma procederanno per fasi successive. Si inizierà da via Piave - prosegue l'assessore Allegrini -. Gli interventi richiederanno provvedimenti alla circolazione veicolare e alla sosta, compatibili con l'esecuzione delle opere in corso.

    Nel dettaglio, questi i provvedimenti previsti, concordemente con le esigenze di cantiere e a seguito dell'apposizione di idonea segnaletica da parte della ditta nelle vie interessate dai lavori:

    ● in via Piave, via Pieve di Cadore e in via Belluno sarà istituito il divieto di sosta con rimozione forzata ambo i lati. Se necessario - spiega l'assessore - sarà istituito il divieto di circolazione, con senso unico alternato per soli residenti, intestatari dei passi carrabili presenti su dette vie, e per le operazioni di carico e scarico merci per i titolari di esercizi commerciali presenti'.

    I provvedimenti al traffico e alla sosta veicolare sono stati disposti con apposita ordinanza del settore LLPP (n. 183 del 9/4/2021).

  • Apr 13, 2021 1:36:45 PM
    2021-04-13

    VITERBO - Nei giorni scorsi, presso il blocco operatorio dell’ospedale di Belcolle, un paziente di 84 anni è stato sottoposto a un intervento chirurgico per l’asportazione di un tumore maligno dello stomaco in anestesia locoregionale, ossia da sveglio.

    L’intervento, pienamente riuscito, è stato effettuato dalle équipe delle unità operative di Chirurgia oncologica, diretta da Roberto Santoro, e di Anestesia e rianimazione, diretta da Alberico Paoletti.

    Il paziente è già stato dimesso e tornerà nei prossimi giorni in ospedale per i primi controlli ambulatoriali posti chirurgici.

    A Belcolle sono già oltre 10 le procedure per la rimozione di neoplasie dello stomaco e del colon eseguite in anestesia locoregionale. L’anestesia spinale o peridurale, nello specifico, fino ad ora era stata prevalentemente utilizzata per gli interventi di breve durata agli arti inferiori o alla regione inguinale o nelle partorienti. La struttura sanitaria viterbese è tra le prime in Italia ad averla utilizzata per interventi ad alta complessità di chirurgia oncologica per tumori addominali con finalità curativa.

    “Abbiamo inizialmente deciso di applicare questa tecnica meno invasiva nei pazienti con condizioni di estrema fragilità per età avanzata – spiega Alberico Paoletti - oppure per compromissione delle funzioni cardiologica, respiratoria o neurologica, che altrimenti non avrebbero potuto affrontare l’intervento chirurgico con procedura tradizionale. Questa tecnica consente di eseguire l’intervento programmato in sicurezza avendo un impatto significativamente ridotto rispetto a quello determinato dalla anestesia generale tradizionale su tali funzioni. Essendo il paziente sveglio, il team operatorio può costantemente e intenzionalmente interagire con il paziente per valutarne il benessere e lo stato neurologico”.

    “Molti di questi pazienti – aggiunge Roberto Santoro - hanno seguito attivamente le fasi dell’intervento, con atteggiamento interessato e partecipativo, e il decorso postoperatorio è stato da subito eccellente senza dover ricorrere alla ventilazione assistita in terapia intensiva. Richiede tuttavia una sinergia particolarmente sviluppata nella equipe multidisciplinare che procede all’intervento in sala operatoria a testimonianza degli elevati livelli raggiunti presso il nostro complesso ospedaliero. Visti i risultati, nel prossimo futuro svilupperemo questa tecnica anche per gli interventi in laparoscopia”.

    “La rimodulazione e la riprogrammazione delle attività ospedaliere che, anche nella nostra provincia, si è resa necessaria per fronteggiare l’emergenza pandemica da COVID 19 – conclude il direttore generale della Asl, Daniela Donetti - si è rivelata per i nostri professionisti una occasione anche di stimolo per percorrere nuove soluzioni e per garantire tutte le prestazioni di urgenza, raggiungendo risultati eccellenti in diversi ambiti, a partire dagli interventi chirurgici per le patologie oncologiche che, nella Asl di Viterbo, non hanno mai subito interruzioni”.

  • Apr 13, 2021 1:29:42 PM
    2021-04-13

    ACQUAPENDENTE - Otto incontri-vernissage e soddisfazioni al Torneo di Tennis organizzato presso il Circolo nella Località Boario.

    Proveniente dal tabellone di qualificazione il 4NC Giovanni Evangelisti batte il quotato 4.5 Daniele Lucarelli: sconfitto per 6-0 al termine del primo set Lucarelli si ritira.

    Percorso quasi in fotocopia per il 4NC Pietro Meaccini contro il più quotato 4.5 Simone Magini. Dopo aver perso per 6-1 il primo set Magini stringe i denti ma sotto di 2-0 anche nel secondo si ritira.

    Termina subito invece il percorso del 4.5 Stefano Muccifora chiamato ad inchinarsi di fronte ad un doppio 6-4 al 4NC Leonardo Di Fiore.Trionfo sudato ma importante per il 4NC Fabio Marrocolo contro il piò quotato 4.5 Guido Guidi.

    Dopo aver vinto per 6-3 il primo e perso il secondo con lo stesso punteggio si aggiudica il supertiebreak del terzo per 10-5. Sofferta vittoria anche per il 4NC Fabio Perugini al cospetto del più quotato 4.5 Claudio Quondam. Perso il primo set per 6-2 e vinto il secondo per 7-5 si aggiudica per 10-3 il supertieabreak al terzo.

    Esordio positivo per i 4.5 Riccardo Celletti (6-2 / 6-3 ad Andrea Margiore) e Smeraldo Marucci (6-4 / 6-3 a Davide Cuccodoro) mentre il 4.4 Mirko Pianesi vince senza neanche iniziare la gara contro il 4NC Diego Sbardella che dopo i canonici dieci minuti di palleggi si ritira per noie muscolari.

  • Apr 13, 2021 1:16:04 PM
    2021-04-13

    VITERBO - ''Sono state dette cose volgari nei nostri confronti. Qualcuno ha detto che abbiamo perso volutamente a Catania perché non ci possiamo permettere di fare i playoff. Una squadra che spende due milioni di euro ha paura di spenderne 3mila per una trasferta?'', ha esordito a sorpresa e con rabbia, il presidente Marco Arturo Romano nella conferenza post partita.

    a vittoria larga, con cinque gol, sulla Casertana non ha rilassato gli animi. Maurizi, invece, ha ringraziato i tifosi che gli sono rimasti vicino: ''I veri tifosi non mi hanno abbandonato''.

  • Apr 13, 2021 11:14:55 AM
    2021-04-13

    VITERBO - Un cittadino extracomunitario in difficoltà economica e respinto dalla Caritas perché privo di “tampone” negativo, si era risolto andare a rubare per sopravvivere.

    Durante l’”azione” era stato scoperto, quindi subito arrestato e rinviato a giudizio per direttissima per furto con destrezza. Ma solo ieri a distanza di otto mesi dai fatti si è celebrato il processo davanti al Tribunale (giud.monocratico dr.ssa Elisabetta Massini). Dal dibattimento è emerso che l’imputato era entrato “vi ac clam” in un appartamento sito al piano terreno di v.le Diaz per far razzia di qualcosa, poi, trovò pure le chiavi dell’appartamento al piano superiore e pure li continuò ad impossessarsi di oggetti di bigiotteria, ma non oggetti di particolare valore.

    Il proprietario dell’appartamento, al momento disabitato dalla famiglia perché fuori Viterbo, ma presente sul posto per governare i gatti, vide le luci accese e chiamò i carabinieri che procedettero all’arresto in flagranza di reato.

    Nonostante le scuse del cittadino extracomunitario che si è giustificato essere stato per necessità “obbligato” a cercarsi risorse per vivere e la tesi della sua difesa che ha sostenuto essere le abitazioni visitate “abbandonate” e che in ogni caso il furto non si era perpetrato, ma solo tentato, il Giudice ha condannato l’imputato ad anni 4 di reclusione, cosi comminando una pena ancorpiù superiore quella chiesta dal PM.

  • Apr 13, 2021 10:32:56 AM
    2021-04-13

    VITERBO - Come associazione che tutela i cittadini del territorio regionale del Lazio, intendiamo esternare il nostro assoluto e chiaro 'no' a qualsiasi possibilità di deposito di scorie nucleari nella provincia di Viterbo, come invece sembrerebbe previsto dalla Carta nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee alla localizzazione del Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi.

     

    Siamo di fronte a una ipotesi fuori luogo e che da settimane sta creando apprensione nella collettività. Questa associazione è dell'opinione che la Tuscia e il territorio regionale abbiano già dato tantissimo in questo complesso e delicato settore, e che non possa attualmente più ospitare rifiuti radioattivi.

     

    Siamo molto contenti dunque della recente presa di posizione della Regione che ha confermato ancora una volta la non idoneità del Lazio ad accogliere il deposito nazionale di scorie nucleari: in particolare, i 22 siti individuati nella provincia di Viterbo. Continueremo a vigilare a difesa della salute e dei diritti dei cittadini'.

     

    Così, in una nota, il presidente dell'associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

  • Apr 13, 2021 10:09:19 AM
    2021-04-13

    VITERBO - 38 casi accertati di positività al COVID-19 sono stati comunicati, entro le ore 11, dalla sezione di Genetica molecolare di Belcolle al Team operativo Coronavirus della Asl.

     

    Gli ultimi referti di positività sono collegati a tamponi eseguiti su cittadini residenti o domiciliati nei seguenti comuni:

    - 8 a Viterbo,

    - 5 a Vetralla,

    - 4 a Montefiascone,

    - 4 a Monterosi,

    - 3 a Soriano nel Cimino,

    - 2 a Bagnoregio,

    - 2 a Capranica,

    - 2 a Civita Castellana,

    - 2 a Marta,

    - 2 a Vasanello,

    - 1 a Barbarano Romano,

    - 1 a Tarquinia,

    - 1 a Tuscania,

    - 1 a Valentano.

     

    Dei casi odierni, 31 presentano un link epidemiologico con casi precedentemente accertati e già isolati, 7 sono collegati a persone che hanno dichiarato di essere sintomatiche al drive in. Stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio 36 persone, 2 sono attualmente ricoverate presso le strutture COVID della Asl.

     

    Il Team operativo Coronavirus ha attivato le misure di prevenzione e di protezione, al fine di contenere la diffusione del virus, irrobustendo la catena dei contatti stretti, con la preziosa collaborazione delle Amministrazioni comunali.

     

    In totale, alle ore 11 di questa mattina, i casi di positività al COVID-19, residenti o domiciliati nella Tuscia, salgono a 13964.

     

    L'Azienda, con estremo rammarico, comunica la notifica del decesso di 1 cittadina di 92 anni di Vetralla, avvenuta nei giorni scorsi presso il domicilio di appartenenza.

     

    Oggi è stata comunicata ai soggetti istituzionalmente competenti la fine del periodo di isolamento o la negativizzazione dal COVID-19 di 69 pazienti residenti o domiciliati nei seguenti comuni: 22 a Viterbo, 6 a Sutri, 6 a Vetralla, 4 a Bassano Romano, 3 a Blera, 3 a Civita Castellana, 3 a Fabrica di Roma, 3 a Ronciglione, 2 a Faleria, 2 a Monte Romano, 2 a Monterosi, 2 a Nepi, 1 ad Acquapendente, 1 a Capranica, 1 a Caprarola, 1 a Corchiano, 1 a Farnese, 1 a Montalto di Castro, 1 a Orte, 1 a Soriano nel Cimino, 1 a Tuscania, 1 a Vasanello, 1 a Vignanello.

     

    Al momento, delle persone refertate positive al Coronavirus, 28 sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive, 9 ricoverate presso la Terapia intensiva COVID di Belcolle, 29 ricoverate presso la Medicina COVID di Belcolle, 9 ricoverate presso la Medicina riabilitativa COVID di Montefiascone, 1198 stanno trascorrendo la convalescenza nel proprio domicilio. Sale a 12284 il numero delle persone negativizzate, 407 sono le persone decedute. Dall'inizio dell'emergenza COVID, nella provincia di Viterbo sono stati effettuati 135060 tamponi, 653 nelle ultime 24 ore. Ad oggi i cittadini che hanno concluso il periodo di isolamento domiciliare fiduciario sono 18600.

  • Apr 13, 2021 10:05:21 AM
    2021-04-13

    Mentre la pandemia COVID-19 continua a imperversare nella maggior parte del mondo, avendo oramai infettato oltre 120 milioni di persone e ucciso più di 2,8 milioni di vite, molti paesi stanno lottando per far fronte a un inasprimento delle infezioni a causa delle particolari e varie varianti del virus, c’è un Paese, non lontano dal territorio dove ha avuto origine la brutale pandemia che è la Repubblica di Cina (Taiwan) con una popolazione di oltre 23 milioni di abitanti – un terzo di quello dell’Italia con una superficie quasi come quella della sola Sicilia – ha avuto invece, ad oggi, neanche 1000 casi confermati, la maggior parte dei quali importati, e solamente 10 morti, in netto contrasto con il quadro generale del resto del mondo.

    Dall'inizio dell'epidemia il suo Governo, liberamente e democraticamente eletto dai cittadini taiwanesi, non ha imposto misure di blocco, né l'attività scolastica o economica è stata seriamente interrotta a causa dalla pandemia.

    Le chiavi per un efficace contenimento del coronavirus a Taiwan sono state la prudenza, la rapidità, la previdenza e l'abbondanza di fiducia del pubblico nel governo. Con una preparazione avanzata, come dimostrato dalla rapida produzione di forniture mediche critiche come le maschere facciali in una fase iniziale della pandemia, l'applicazione di un impegnativo tracciamento dei contatti e l'uso di big data e tecnologia digitale per identificare i gruppi a rischio, Taiwan ha controllato efficacemente l'epidemia e ne ha mitigato l'impatto sull'economia, sulla società civile e sui mezzi di sussistenza delle persone.

    A tutti è altresì noto che Taiwan ha dimostrato solidarietà con la comunità internazionale, inclusa la maggior parte degli Stati membri dell'Unione Europea, donando oltre 54 milioni di maschere chirurgiche, 35.000 termometri frontali, 227.000 set di indumenti protettivi e 600.000 camici isolanti, dispositivi per test PCR, guanti medici e preziosissimi respiratori, a più di 80 paesi in tutto il mondo.

    Taiwan ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo per i suoi efficaci sforzi anti-pandemia e la tempestiva assistenza umanitaria, e più di 1.700 politici di 80 paesi hanno espresso il loro sostegno all'inclusione di Taiwan nei meccanismi e nei meeting dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

    A maggio si riunirà di nuovo l’Assemblea Mondiale della Sanità senza – purtroppo – invitare alle riunioni la Repubblica di Cina (Taiwan) negandogli così – ancora una volta – di poter dare il suo preziosissimo contributo alla lotta della pandemia.

    Taiwan come l’Italia condividono gli stessi valori quali la democrazia, la libertà, il rispetto dei diritti umani e la trasparenza, e per questa ragione che desideriamo esprimere il nostro supporto a Taiwan e, a più di un anno dallo scoppio della pandemia COVID-19, Taiwan è ancora ostacolata dalla sua piena partecipazione ai meccanismi, ai meeting e alle attività dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

    Purtroppo, nonostante i considerevoli appelli e l’ininterrotto sostegno della comunità internazionale con molteplici richieste di personalità politiche e autorevoli dei maggiori paesi come gli Stati Uniti, Australia, Giappone, Canada, Nuova Zelanda, Danimarca, Francia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi e Svezia, durante le due sessioni dell’Organizzazioni Mondiali della Sanità tenutesi a maggio e a novembre del 2020 Taiwan non è stata accolta. La partecipazione di Taiwan all'OMS incontra sempre ostacoli, negando a Taiwan l'accesso a tutte le importanti informazioni aggiornate sulle malattie oppure sulle misure di controllo delle frontiere da parte di altri paesi della regione. Inoltre, a Taiwan è negato l’accesso alle reti di laboratori relativi al COVID-19 dell'OMS e le sue richieste di partecipazione alle riunioni tecniche dell'OMS sono sempre ignorate e/o rifiutate. Questo iniquo trattamento non è solo dannoso per i diritti fondamentali alla salute dei 23.5 milioni di cittadini taiwanesi, ma crea anche una pericolosa spaccatura nella rete globale di prevenzione delle malattie.

    All’unanimità la 73ª Assemblea Mondiale della Sanità ha dichiarato che il 2021 sarà l’Anno Internazionale della Salute e dei Lavoratori Sanitari quindi ci auspichiamo che Taiwan partecipi giustamente all'Organizzazione Mondiale della Sanità e che sia inclusa pienamente nelle riunioni, nei meccanismi e nelle attività dell'OMS, che sarebbe nell'interesse di tutte le parti, in modo che veramente questo anno sia l’Anno Internazionale della Salute e l’anno in cui tutti insieme potremmo sconfiggere questa brutale pandemia.

  • Apr 13, 2021 9:53:10 AM
    2021-04-13

    VITERBO - Giovedì 15 aprile il Codacons incontrerà i sindaci di Viterbo, Farnese e Canepina. L'incontro - che si terrà alle ore 12 a Viterbo - avrà ad oggetto il premio 'Piccolo Comune Amico' istituito dall'associazione per promuovere e valorizzare le eccellenze locali, concorso per il quale sono in pole position il comune di Farnese, in lizza con la 'Mostra dell'Artigianato', e quello di Canepina per le bellezze architettoniche del luogo (Palazzo Farnese, Chiesa di Santa Maria Assunta, Museo delle tradizioni popolari del XVII secolo, Chiesa di san Michele Arcangelo).

    La premiazione dei 25 comuni vincitori in tutta Italia avverrà il prossimo 28 maggio nel corso di un evento presso l'Auditorium di Roma, durante il quale saranno mostrati dei video promozionali dei vari territori. I comuni vincitori, inoltre, godranno di agevolazioni su consulenze legali e altri servizi forniti dal Codacons.

  • Apr 13, 2021 9:40:48 AM
    2021-04-13

    VITERBO - Un italiano di 46 anni, con obbligo di dimora, è stato tratto in arresto nei giorni scorsi dagli uomini della Polizia di Stato della Squadra Volante della Questura di Viterbo impiegati nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio.

     

    A seguito di una segnalazione di urla da parte di una donna, gli equipaggi dell’U.P.G. e S.P., nella tarda serata, convergevano nei pressi di un’abitazione del centro storico e, individuato lo stabile dal quale erano provenute le grida, accedevano all’interno dello stesso dove udivano toni minacciosi e grida di aiuto.

     

    Giunti al piano interessato, riscontravano la presenza di un uomo sulla porta di casa, in forte stato di agitazione e con forte alito vinoso, mentre sulle scale soprastanti vi era una donna in lacrime con alcune persone che la assistevano.

     

    La stessa riferiva che la lite tra i due era iniziata al momento della cena quando il compagno, dopo aver consumato bevande alcoliche, per futili motivi la colpiva alla nuca con una bottiglia di vetro, schiaffeggiandola più volte. A questo punto la donna usciva di casa rifugiandosi sulle scale, chiedendo poi aiuto ai condomini.

     

    La donna, dopo il primo intervento del personale del 118, ricorreva alle cure mediche presso l’ospedale di Viterbo, ove veniva dimessa con prognosi di giorni 8.

     

    L’uomo, con precedenti specifici, condotto in Questura, al termine degli accertamenti di rito veniva tratto in arresto per lesioni personali e maltrattamenti in famiglia e, a seguito del giudizio per direttissima, il giudice convalidava la misura restrittiva, ripristinava l’obbligo di dimora con allontanamento dalla casa famigliare e divieto di avvicinamento alla compagna.

     

    In data 12 aprile, poi, l’uomo è stato sottoposto dal Questore alla misura di prevenzione dell’Ammonimento, finalizzata a dissuaderlo dal compiere ulteriori azioni persecutorie.

     

    IL CAPO UFFICIO STAMPA

  • Apr 14, 2021 9:51:59 AM
    2021-04-14

    di Massimiliano Morelli 

     

    Storia “anziana” di qualche mese, ma pur sempre attuale. La risposta dei cinesi all’attivista Greta Thunberg, presa come modello perché rivoluzionaria dell’ambiente, la dice lunga sul destino cui stiamo andando incontro con le lezioni scolastiche a singhiozzo. La diciottenne scandinava è scivolata sulla classica buccia di banana nel momento in cui ha chiesto alla Cina di smettere di mangiare con le bacchette e di usare le posate.

    Questo, per la Thunberg, al fine di evitare il disboscamento. In maniera elegante è arrivata la risposta, con allegato l’invito a tornare a scuola, per imparare che le bacchette della buona tavola orientale sono di bambù e non di legno. In aggiunta, è stata invitata a non usare la carta igienica che quella, sì, viene realizzata con ceppi, fusti e tronchi.

    Così, in maniera elegante e senza polverone, la filosofia d’Oriente ha messo alle corde la signorina Greta, paladina degli scioperi scolastici “utili” secondo lei per combattere le potenze mondiali che azzannano i garretti del clima. Peccato che i ragazzi della sua età abbiano ben altri problemi da risolvere, la didattica a distanza, l’impossibilità dettata dalla pandemia di poter andare a scuola.

    La perdita del diritto allo studio, quello si che è un “male” da combattere. Ma fa più comodo eleggere una regina del chiacchiericcio ambientale piuttosto che risolvere i problemi di chi a scuola ci vorrebbe andare.

0 commenti